Otto macchine per il riciclo della plastica in Cina 1

L’accordo, della durata di 10 anni, darà il via a un progetto che si concluderà con la realizzazione a Dezhou di uno stabilimento dove saranno installati 8 impianti Roteax. Ciascuno di questi – riferisce una nota dell’azienda friulana – è in grado di trattare oltre 7000 tonnellate all’anno di plastica riciclata con una produzione di 500.000 pallet.

Una tecnologia sperimentata in Friuli per il riuso delle plastiche miste non facilmente riciclabili sarà trasferita in Cina, sulla base di un accordo sottoscritto tra l’azienda Plaxtech e la cinese Jiana Environmental protection science and technology. La consegna, sia della tecnologia sia di un primo impianto per il trattamento della plastica riciclata, è in programma l’11 luglio a Basaldella (Udine), dove è attesa una delegazione di rappresentanti del governo cinese, della provincia di Shandong e del comune di Dezhou.
Otto macchine per il riciclo della plastica
L’accordo, della durata di 10 anni, darà il via a un progetto che si concluderà con la realizzazione a Dezhou di uno stabilimento dove saranno installati 8 impianti Roteax. Ciascuno di questi – riferisce una nota dell’azienda friulana – è in grado di trattare oltre 7000 tonnellate all’anno di plastica riciclata con una produzione di 500.000 pallet. Obiettivo del macchinario – aggiunge la nota – è consentire al materiale plastico eterogeneo a base di poliolefine di venir considerato materia prima secondaria; dunque riciclare, generando una nuova economia circolare eco-sostenibile.
FONTI: